Effettacci fantastici

È indubbio che la maggior parte del pubblico che va a vedere un film come I Fantastici quattro e Silver Surfer non pretenda trame complesse o dialoghi instrospettivi, ma divertimento e tanti effetti speciali. Una sorta di parco giochi su grande schermo dove l’azione è solo uno degli ingredienti che ti faranno giudicare, più o meno positivamente, la spesa del biglietto. Nel nostro caso, non si sono fatti mancare niente, nel senso che il secondo episodio che vede come protagonisti i personaggi creati da Lee e Kirby per la Marvel è un mix di trucchi, commedia, begli effetti, azione. Tanto da far affermare, agli spettatori più assidui delle sale che, dopo la noia di certi blockbuster delle ultime settimane, finalmente si può assistere ad un film gradevole, piacevole, da inizio estate. Fatte le dovute lodi va, però, detto che, al di là del tema che fa da filo conduttore (l’amore e le privazioni che comporta) alla storia, il vero protagonista non sono i quattro superdotati di poteri ma l’avversario di turno, Silver Surfer, uno dei cattivi più riusciti degli ultimi tempi.
Discreto è Io e Beethoven, il film che si ispira agli ultimi anni di vita del grande compositore. Lo fa raccontando il rapporto conflittuale che si instaura tra Anna Holts (personaggio immaginario) e Beethoven. Lei è una copista che deve affiancare il maestro nel compito, importante quanto delicato, di copiare gli spartiti della Nona Sinfonia. Il rapporto, tra i due, vivrà di alti e bassi, nella reciproca crescita delle conoscenza del proprio io. Ed Harris, che veste i panni del musicista, è semplicemente perfetto, rendendo in maniera magistrale l’intimo tormento interiore vissuto da Beethoven a causa della sua famosa sordità.
I film più visti a Roma dall’11 al 17 giugno 2007: 1) I fantastici 4 e Silver Surfer; 2) Ocean’s Thirteen; 3) Pirati dei Caraibi 3; 4) Grindhouse; 5) Il matrimonio di Tuya; 6) I Robinson; 7) Zodiac; 8) La città proibita; 9) Le vite degli altri; 10) Mio fratello è figlio unico.