Effetto Grecia su Allianz: l’utile semestrale giù del 30%  

Confermato comunque il target di un margine operativo di 8 miliardi a fine anno per il primo gruppo assicurativo europeo

Allianz, primo gruppo assicurativo europeo, svaluta i titoli greci in portafoglio e vede calare l'utile del secondo trimestre. Tra aprile e giugno i profitti netti sono stati di 1,071 miliardi, dopo aver contabilizzato un onere netto di 326 milioni derivante dalle svalutazioni sui titoli governativi della Grecia e dall'andamento avverso dei tassi di cambio. Il calo dell'utile netto trimestrale è del 7,4% rispetto a 1,157 miliardi registrati nel secondo trimestre del 2010.

Il gruppo tedesco ha annunciato un utile operativo di 4 miliardi di euro nel primo semestre 2011, in calo dell'1,8% rispetto a quello dell'analogo periodo 2010 (3,96 contro 4,034 miliardi). Il risultato riflette la crescita realizzata nelle principali aree di business e tiene conto soprattutto degli oneri derivanti dalla crisi del debito greco.I ricavi totali sono ammontati nei primi sei mesi del 2011 a 54,5 miliardi ai 56 miliardi registrati nello stesso periodo 2010 (-2,6%). L'utile netto del semestre si e' attestato a 1,986 miliardi, in flessione del 28% rispetto ai 2,76 miliardi registrati nel primo semestre 2010.

Nonostante tutto il ceo di Allianz, Michael Diekmann, si è detto “molto soddisfatto” dei risultati e fiducioso di raggiungere le previsioni per il 2011, che fissano l'utile operativo a quota 8 miliardi.