Effetto plusvalenza sui conti della Fininvest

Utili semestrali a 1,7 miliardi grazie alla cessione del 16,6% di Mediaset. Migliora la gestione operativa: più 7,9%

da Milano

«Effetto Mediaset» sull'utile netto di Fininvest, che nel primo semestre 2005 ha toccato quota 1.706 milioni, contro i 325 del corrispondente periodo del 2004. Un risultato in buona parte determinato dal miliardo e mezzo di plusvalenza, ottenuto in aprile grazie al collocamento del 16,68% dell’operatore televisivo: un’operazione da 2,1 miliardi. Ad oggi, Fininvest detiene una quota di partecipazione, diretta e indiretta, in Mediaset pari al 35,55 per cento.
Ma il balzo in avanti del risultato netto nasce anche - come ha sottolineato in una nota la società presieduta da Marina Berlusconi - dai miglioramenti nella gestione operativa e nel risultato delle partecipazioni. Senza la plusvalenza e a valori omogenei la crescita del risultato netto è comunque dell'11%.
In crescita anche il risultato operativo, che ha raggiunto i 798 milioni, con un incremento del 7,9% rispetto ai 739 milioni del corrispondente periodo 2004. La società sottolinea l'ulteriore incremento dell'incidenza del risultato operativo sui ricavi (redditività operativa), passata dal 26,9% dei primi sei mesi del 2004 al 27,5% dello stesso periodo di quest’anno. Tale risultato è ancor più significativo - si afferma nella nota - se si tiene conto, tra l'altro, delle risorse economiche necessarie a sostenere la fase di avvio di due iniziative strategiche: la televisione digitale terrestre da parte di Mediaset e la radio da parte di Mondadori.
I ricavi netti consolidati al 30 giugno sono stati pari a 2.903 milioni, con un incremento del 5,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Sempre a livello consolidato il margine operativo lordo nei primi sei mesi dell'anno è salito del 2,9% a 1.230 milioni di euro, contro i 1.196 milioni del primo semestre 2004.
La posizione finanziaria netta consolidata al 30 giugno 2005 è positiva per 1.256 milioni, rispetto al saldo negativo di 864 milioni il 31 dicembre 2004.
Per quanto riguarda la sola capogruppo Fininvest Spa, l'utile pre-imposte civilistico nei sei mesi è di 1.988 milioni rispetto ai 174 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso.
La semestrale esaminata ieri dal consiglio d’amministrazione - spiega ancora la società - è la prima redatta secondo i principi contabili Ias/Ifrs. Al fine di consentire la comparabilità dei dati sono state rielaborate secondo i nuovi principi contabili le situazioni economico-patrimoniali al 30 giugno e al 31 dicembre del 2004.