Effettua scavi archeologici abusivi: sorpreso e denunciato dalla fluviale

Continuano i servizi di pattugliamento e bonifica delle aeree golenali dei due fiumi da parte della fluviale. Ieri gli agenti della questura, diretti da Raffaele Clemente, a bordo dei gommoni hanno sorpreso, nei pressi dell’Isola Tiberina, un uomo con la piccozza in mano, chino sulle ginocchia, intento a scavare una buca di circa un metro di profondità sul greto del Tevere, sotto al Ponte Fabricio. Intervenuti, i poliziotti hanno denunciato in stato di libertà M.P., italiano di 52 anni, per danneggiamento dei beni demaniali e scavi archeologici non autorizzati e hanno sequestrato una moneta in rame, presumibilmente appartenente a epoca romana, appena estratta dal greto del fiume, oltre allo strumento usato per danneggiare la banchina. I pattuglioni di contrasto dei fenomeni dei reati predatori e ambientali proseguiranno nelle prossime settimane.