EfficientDynamics, più prestazioni e tanta ecologia

Il pacchetto EfficientDynamics è composto da una schiera di soluzioni che la Bmw ha pensato per diminuire consumi ed emissioni senza intaccare né il temperamento e la personalità né il dinamismo delle sue vetture e la guidabilità pretesa dai più esigenti. Insomma, una serie di obiettivi che ha imposto un lavoro approfondito, che ha coinvolto in particolare la meccanica, ma che ha interessato pure l’estetica delle nuove Serie 1 e Serie 5. Infatti, sono state definite soluzioni stilistiche in grado di riflettersi anche sulla profilatura aerodinamica e sistemi meno evidenti, ma assi utili per questo scopo, tipo le bocche di ventilazione del radiatore che si chiudono per migliorare l’aerodinamica quando l’impianto di raffreddamento non necessita di aria fresca.
Punto focale dell’operazione è stato, comunque, la realizzazione di motori che, a dispetto della cilindrata identica a quella dei precedenti, sono a iniezione diretta di benzina. Questa nuova famiglia, ovviamente destinata a espandersi ulteriormente in futuro, al momento si compone delle unità a quattro cilindri più potenti della Serie 1 e di quelle a 6 cilindri della Serie 5. Aggiornati anche i turbodiesel. Perdono un po’ di peso per gravare meno sull’avantreno - quindi per ottimizzare anche il dinamismo delle vetture - e guadagnano potenza, grazie a sistemi common rail di terza generazione e iniettori piezo-elettrici più precisi. Tutti, poi, s’abbinano al filtro per il particolato.
A queste novità se ne aggiungono, però, ancora tante altre destinate a ottimizzare non solo il rapporto rendimento/consumi, ma anche la forma atletica delle vetture. È questo il caso del sistema Start/Stop - inseribile con un tasto sulla plancia - che ai semafori e nelle soste nel traffico spegne automaticamente il motore quando s’inserisce il folle e lo riaccende quando si pigia la frizione per inserire la prima in modo da evitare sprechi di carburante e inquinamento. ECco, poi, l’Energy Brake regeneration: regola in maniera intelligente la produzione d’'energia - presente su tutte le Serie 5 più potenti - che concentra la generazione di corrente nelle fasi di spinta e frenata della vettura. In questo modo l’accumulo di energia avviene senza il ricorso della potenza del motore e, dunque, senza influire sui consumi. Su questi ultimi si riflettono anche l’indicatore del momento ideale di cambiata per le versioni con trasmissione manuale a 6 marce, l’ottimizzazione delle pompe dell’acqua, dell’olio e della benzina per i motori a 6 cilindri della Serie 5, i cambi automatici che sono stati velocizzati del 40% rispetto al passato per valorizzare il rendimento dei motori, i pneumatici a elevata scorrevolezza e il servosterzo elettrico sulle Serie 1.