Egitto, Mubarak e i suoi due figli saranno processati per la repressione

L’ex presidente egiziano Hosni Mubarak e i suoi due figli, Alaa e Gamal, saranno processati e tra le
incriminazioni figura quella per le uccisioni di manifestanti durante la rivoluzione del 25 gennaio

Il Cairo - L’ex presidente egiziano Hosni Mubarak e i suoi due figli, Alaa e Gamal, saranno processati e tra le incriminazioni figura quella per le uccisioni di manifestanti durante la rivoluzione del 25 gennaio: 846 morti, secondo il bilancio ufficiale delle vittime. Lo ha riferito la procura in un comunicato, spiegando che dovranno rispondere di omicidio, abuso di potere e spreco di denatro pubblico. Mubarak, dimessosi l’11 febbraio, si trova agli arresti a Sharm-el-Sheikh dal 13 aprile, data in cui sono stati fermati anche i due figli.

Ora sono in carcere Mubarak e i figli si trovano attualmente in carcere: l’82enne rais, con problemi cardiaci, è ricoverato nell’ospedale di Sharm-el-Sheikh, mentre Alaa e Gamal sono nella prigione di Tora, al Cairo.