«Gli elenchi? Già consegnati da una settimana»

«Gli elenchi, anche nominativi, delle vendite delle case dell’Ater del Comune di Roma sono stati consegnati al presidente del Consiglio regionale la scorsa settimana». Luca Petrucci, presidente dell’Ater del Comune di Roma, risponde così alle accuse di mancata trasparenza avanzate dal capogruppo regionale dei Socialisti riformisti, Donato Robilotta, e riportate nei giorni scorsi dal nostro giornale. «Ho consegnato tutti gli elenchi sulle vendite delle case dell’Ater al presidente del Consiglio regionale - spiega Luca Petrucci -. La legge non mi dice di dare gli elenchi ai singoli consiglieri, ma di metterli a disposizione del Consiglio regionale. Ed è quello che ho fatto, una settimana fa, per rispetto dei miei doveri istituzionali e della trasparenza nell’amministrare un patrimonio pubblico. Non c’è niente di segreto, gli elenchi sono consultabili nella sede appropriata. Semmai, Robilotta dovrebbe prendere atto che questa azienda ha trasmesso gli atti al Consiglio regionale prima ancora che gli venisse chiesto ufficialmente di farlo». In realtà, aggiunge Petrucci, «mi sembra che dietro a questi ripetuti attacchi ci sia l’obiettivo di bloccare il piano di risanamento dell’azienda che, faticosamente, stiamo portando avanti da due anni. Il Consiglio d’amministrazione dell’Ater, da me presieduto, ha fatto e sta facendo azioni importanti per risollevare le sorti di un’azienda che era stata abbandonata a se stessa ma evidentemente c’è chi trova vantaggio politico nel lasciare le cose come stanno. Quanto alle mie dimissioni, il mio mandato è, ed è sempre stato, a disposizione del presidente della Regione».