Per le elezioni mobilitati 60mila agenti

La sorveglianza ai seggi in occasione delle elezioni politiche sarà assicurata in tutta Italia da circa 60.000 operatori delle forze di polizia, incaricati di vigilare affinché le procedure di voto nelle sezioni elettorali si svolgano nella massima correttezza e regolarità. Per questa tornata elettorale non è invece previsto il tradizionale contributo dell'esercito. Per effetto della sospensione a tempo indeterminato del servizio di leva, in primo luogo, ma anche perché la forza armata è tuttora impegnata con circa 2.400 effettivi nello svolgimento dell'operazione antiterrorismo «Domino», che vede i militari dell'esercito operare in ausilio delle forze dell'ordine nella vigilanza degli «obiettivi sensibili» a rischio di attentato terroristico come basi, installazioni e caserme Nato e statunitensi, centri di trasmissione e di comunicazione, impianti di erogazione di servizi di pubblica utilità, strutture aeroportuali e ferroviarie.