In elicottero a Milanello per le prime cure

Applausi, sorrisi e un gran mal di schiena. Silvio Berlusconi non è riuscito a godersi la bella serata dedicata a Demetrio Albertini e ieri, improvviso ospite (ma anche padrone di casa), si è presentato a Milanello per farsi curare una lombosciatalgia che l’affligge da tempo. Il premier è giunto infatti in elicottero alle 12,50 al centro sportivo rossonero, trascorrendovi quasi tre ore. Ha subito incontrato il coordinatore sanitario di «Milan Lab», il dottor Jean Pierre Meesserman, facendosi visitare e sottoponendosi anche a esami e a un massaggio che gli ha almeno alleviato il dolore. Poi ha incontrato Carlo Ancelotti e l’abbraccio tra i due è stato intenso. Al punto che, con il tecnico che cingeva col braccio sinistro la schiena del premier, i due si sono presentati alla squadra già in campo per l’allenamento. Il breve discorso di un Berlusconi sorridente è stato accolto da un applauso e poi il premier ha salutato tutti i giocatori. Poi, a sorpresa, Berlusconi è andato dai ragazzi della primavera di Franco Baresi, intrattenendosi con i giovani, emozionati per la sua presenza. Ma non è finita perché, prima di andarsene, Berlusconi ha preso in braccio Jordan, il figlio di Shevchenko e con lui è salito sull’elicottero, raccontandogli i segreti del velivolo.\