Elio e le Storie tese rifiutano il premio: "Dovevate darlo pure a Enzo Biagi"

La prima protesta del 7 dicembre è scattata in anticipo. Elio e le Storie tese ieri hanno rifiutato l’Ambrogino. Con una lettera inviata al Comune, hanno fatto sapere che non saranno domenica alla tradizionale cerimonia al Dal Verme. Motivo? Il disaccordo con la scelta di non assegnare l’Ambrogino d’oro alla memoria a Enzo Biagi e la cittadinanza onoraria a Roberto Saviano. «Come abbiamo fatto in questi 20 anni - scrivono -, continueremo a rappresentare al meglio la città in cui siamo nati, viviamo, lavoriamo e proprio perchè la amiamo profondamente vorremmo vederla trattata e rappresentata meglio dalla sua amministrazione». «Continuerò ad ascoltarli e ad andare ai concerti», commenta il capogruppo della Lega Matteo Salvini, che aveva proposto la candidatura del gruppo. Lo rifarebbe, «perchè a prescindere dalle idee politiche lontane dalle mie, artisticamente sono dei grandi. Purtroppo, si sono prestati ai giochi della politica, ci rimettono loro. Uno scivolone. E sono motivi pretestuosi, perchè sia Biagi che Saviano avranno gli onori che meritano».