Elio e le Storie Tese in scena con Bisio Serata di musica da ridere all’Idroscalo

Matteo Failla

È stato il grande evento di quest’estate, un tour che ha riscosso applausi ovunque sia approdato, una vera fatica per coloro che lo hanno portato in giro per l’Italia per un mese, con date serratissime.
Elio e le Storie Tese e Claudio Bisio hanno confezionato un prodotto divertente e coinvolgente, un mix tra musica e comicità che andrà in scena per l’ultima volta all’Idroscalo, nell’ambito della rassegna Idroscalo in Festa. Così è se vi pare, questo il geniale titolo, è uno show che mescola i successi del gruppo degli Elii e gli inserti comici del cabarettista più famoso d’Italia, che coglie l’occasione anche per cantare.
Avete impiegato vent’anni per mettervi assieme tu e Bisio, un lungo corteggiamento.
«Già, come mai così tanto? – risponde Elio - Forse semplicemente perché ognuno era impegnato nei propri progetti. Lui ha tuttavia una lunga collaborazione con il nostro Rocco Tanica, sia a livello musicale che teatrale. Ci sono sempre state collaborazioni sporadiche ma mai niente di serio».
Quindi quando è nata l’idea del matrimonio artistico?
«Ci siamo trovati qualche mese fa nel tentativo di salvare il bosco di Gioia, durante una serata nella quale suonavamo noi ma si esibiva anche Bisio. Il tentativo è stato vano, ma fortunatamente non tutto è andato storto, visto che abbiamo avuto modo di rincontrarci. È stato lì che ci siamo chiesti “perché non abbiamo mai fatto nulla assieme?”. Nessuno dei due ha saputo rispondere. Alla fine ci conosciamo da vent’anni, origini e obiettivi sono comuni, quindi non è stato difficile trovarsi in sintonia da subito».
Un tour veloce ma intenso.
«Sì, abbiamo optato per questa formula, dopo l’estate ciascuno tornerà sulla propria strada».
Però si era parlato di una possibile ripartenza del tour dopo l’estate...
«Non so chi abbia messo in giro questa voce. Bisio è molto contento e forse vorrebbe andare avanti, io sono un po’ più pratico e mi rendo conto che sarà impossibile. Noi dobbiamo fare il nuovo disco, che ancora una volta abbiamo interrotto per andare in giro con questo tour, Bisio deve girare due film: uno con Veronesi e uno con Neri Parenti».
Un bilancio del tour?
«Molto positivo. Noi volevamo fare qualcosa di diverso dal classico concerto rock e lui era stanco di andare in giro da solo: ci siamo trovati. Poi sia noi che lui amiamo l’improvvisazione; questo spettacolo ha sì un canovaccio da seguire, ma si nutre di tante invenzioni».
Stando insieme in questo mese Bisio si è Elizzato, Elio si è Bisizzato, o tutto è come prima?
«Eravamo già bisizzati noi ed elizzato lui».
E come canta Bisio?
«È bravo, può migliorare ma è già ad un buonissimo livello».
Avete un pubblico diverso tu e Bisio, uno è più giovane, l’altro forse è più legato al teatro o al cabaret.
«In alcuni luoghi si notava la differenza tra i due tipi di pubblico, ma è stato bello vedere che entrambi apprezzavano sia l’uno che l’altro. Anche se qualcuno, probabilmente, non ci aveva mai visto. Ma ha apprezzato».
Per la data di Milano avete in mente qualcosa di particolare?
«Milano è sempre fonte d’ispirazione, qualcosa di forte sicuramente accadrà».

Elio e Le Storie Tese, Idroscalo, info 02.70200902, ore 21