Elior torna a correre a Parigi

New York ha esordito ieri su basi incerte, a conferma di una grande cautela sulla futura politica dei tassi di interesse, mentre i risultati aziendali non sembrano offrire elementi tali da invertire la tendenza in positivo. Mentre gli indici Dow Jones e S&P si sono mantenuti sempre in zona positiva, il Nasdaq ha accusato i ribassi di Brocade (meno 2,9%) e Sun Microsystem (meno 1,7%); crollo di Zale Corp. del 7,5% per l’avvio di una procedura sanzionatoria da parte della Sec. In calo anche Novavax (meno 14%). In Estremo oriente frena Tokio per un netto calo di Inpex Holding, mentre in Europa le piazze hanno risentito del nuovo rincaro del greggio, con rialzi di poco inferiori al 2% per Bp e Royal Dutch; a Londra di nuovo in tensione Compass (più 3,7%), mentre a Zurigo tonfo di Serono, che perde il 10% alla notizia del lancio di una campagna di acquisizioni. A Parigi bene Elior (più 3,5%) dopo l’Opa lanciata da Robert Zolade.