Elkann non esclude investimenti anche in Italia

Exor, cassaforte della famiglia Agnelli nata dall’accorciamento della catena di controllo tramite l’incorporazione di Ifil in Ifi, si muove «in modo prudente», guarda soprattutto ad occasioni di investimento «fuori dai confini nazionali». Tuttavia, se trovasse «qualche occasione allettante in Italia, certamente non verrebbe scartata». Lo afferma, in un’intervista al Mondo in edicola oggi, John Elkann, presidente della holding nata lo scorso dicembre e che dal 2 marzo prossimo sarà quotata in Borsa. Elkann parla quindi anche di Sergio Marchionne, ad di Fiat: «Ha ricostruito una leadership, in grado non solo di governare l’azienda dal punto di vista industriale e finanziario, ma anche di affrontare i problemi».