Emergenza caldo Polizia e carabinieri in aiuto degli anziani

Gli esperti: «Da lunedì un’ondata di calore e umidità». Il Comune: «Pronti in caso d’emergenza» Mobilitate le forze dell’ordine

(...) è attivo tutti i giorni dalle 8 alle 20 il numero verde 800.99.59.88 dedicato agli anziani che hanno bisogno di aiuto e consigli. Ieri, al termine di un vertice in prefettura, le forze dell’ordine hanno assicurato anche per quest’anno il loro appoggio alle iniziative di Comune e Regione. Poliziotti e carabinieri di quartiere vigileranno sulle situazioni delicate (anziani soli in zone pericolose) e saranno in contatto con i custodi sociali. «D’estate la città si svuota e gli anziani si sentono più insicuri - spiega Roberta Papi, assessore comunale ai Servizi sociali-. Il nostro numero verde e i centralini di polizia, carabinieri e vigili del fuoco saranno in stretto contatto. Che cosa significa? Che l’anziano in difficoltà che ci chiama per i consigli sull’alimentazione o per sapere come avere la spesa gratis a domicilio potrà anche segnalarci i problemi legati alla poca sicurezza e noi avviseremo la polizia. Allo stesso modo, eventuali segnalazioni ai numeri di emergenza 113, 112 e 115 saranno trasferite al nostro numero verde se si tratta di problemi che possiamo risolvere».
Anche quest’anno, poi, la sede del Comando provinciale dei vigili del fuoco in via Albertazzi metterà a disposizione delle sale climatizzate per ospitare gli anziani nelle ore più calde. «C’è la totale disponibilità delle forze dell’ordine a collaborare al progetto di Comune, Regione e Asl» hanno spiegato i rappresentanti di polizia, carabinieri, vigili del fuoco e guardia di finanzia ieri in prefettura.
L’importante, adesso, è far conoscere agli anziani la rete di servizi messa in piedi per loro. «Per questo ho voluto che l’opuscolo con le istruzioni e i numeri da chiamare fosse stampato in tre lingue: italiano, spagnolo e russo - riprende l’assessore Papi-. Spesso sono le badanti a prendersi cura dei nostri nonni e molte di loro non conoscono bene l’italiano». Il foglietto (distribuito in farmacie e parrocchie) e gli addetti al numero verde ricordano le 13 «oasi» (salette) predisposte dal Comune dove gli anziani possono stare al fresco, spiegano come farsi portare gratuitamente la spesa a casa dai supermercati Basko e Coop. Le richieste di aiuto finora non sono state molte. «Il tempo ci ha dato una mano - spiega ancora la Papi- Ma se purtroppo dovesse arrivare il grande caldo, ci faremo trovare pronti».
Il primo test potrebbe esserci la prossima settimana, con l’ondata di calore prevista da lunedì a giovedì. «Poi qualcosa dovrebbe cambiare, già da venerdì potremmo avere aria fresca con qualche temporale nella regione - conclude Corazzon del centro Epson meteo-. Si dovrebbe insomma tirare il fiato».