Emergenza per il gasolio nello Scrivia

Non è ancora rientrato l’allarme e il clamore suscitato dal sequestro del depuratore di Sestri che potrebbe aver provocato persino mutazioni genetiche dei pesci, che già la costa genovese si trova alle prese con un nuovo rischio ambientale. L’allarme inquinamento questa volta riguarda il fiume Scrivia, all'altezza di Busalla, nell'entroterra di Genova.
L’emergenza è scattata ieri mattina verso le 10.30 quando è stata registrata una perdita da una delle due cisterne di gasolio poste in vicinanza del fiume. Migliaia di litri di liquido si sono riversati nelle acque. Sono subito intervenuti i vigili del fuoco, che hanno collocato nel fiume una ventina di metri di materiale assorbente, per limitare la diffusione del gasolio.
Una volta contenuto lo sversamento e i rischi per l’ambiente, si è provveduto a cercare di individuare le cause dell’incidente. Ieri questo tipo di indagine non aveva però ancora portato a risultati certi, così come non era stato ancora possibile quantificare con esattezza la quantità di gasolio fuoriuscita dalla cisterna.
L’emergenza comunque sembra essere rientrata in serata. Le conseguenze dell’inquinamento non dovrebbero essere troppo gravi.