Emergenza-mobilità In tredici punti la ricetta di Alemanno

Ottimizzare le linee metropolitane esistenti, creare corsie preferenziali reversibili per modulare il numero delle carreggiate a seconda della domanda di traffico in zone a densità di scorrimento variabile come la via Cassia e semafori intelligenti. Sono queste alcuni dei 13 punti contenuti nel Piano strategico del Pdl per ridurre il traffico nella Capitale e garantire ai cittadini un servizio pubblico «degno di questo nome». È stata la sede di Trambus la seconda tappa della settimana della mobilità del candidato sindaco del Pdl Gianni Alemanno che, ieri pomeriggio, ha illustrato la sua ricetta per il trasporto pubblico e incontrato i dipendenti dell’azienda. A illustrare il piano strategico l’ex vicepresidente del consiglio comunale Vincenzo Piso che ha sottolineato la necessità di «creare linee afferenti che riescano a captare l’utenza, nuovi parcheggi di scambio e di emssa in connessione con le direttrici del Tpl su ferro e su gomma, chiusura dell’anello ferroviario per lo sviluppo dell’effetto rete e potenziamento delle ferrovie regionali». Un occhio di riguardo al trasporto ecocompatibile unico mentre va diversificata la tipologia dei mezzi su gomma di Trambus, informati gli automobilisti sulle condizioni di traffico e realizzato un ufficio unico per la sicurezza stradale.