«Eminenza, pensi di più all’anima»

Caro direttore, ben conoscendo la sua liberalità, nel silenzio della stampa genovese anche su opinioni che lei non condivide, mi permetta di dire cose che solo lei, forse, ospiterà..Sua eminenza Bertone secondo Rixi ha esibito sui lavori forzati una prova di «palese leggerezza». Rixi prosegue usando «vostro» (ricordate vostra eccellenza che mi sta in cagnesco.. e il pronome del duce concordatario..) e lamentando l'oblio della civiltà cristiana e dei cristiani uccisi dagli islamici. Mi pare che Rixi pretenda troppo. Sulla materia politica e sportiva per giunta nessuno si può attendere ponderatezza, acume e opportunità, da chi ha orecchiato queste cose nei seminari e nelle sacrestie. Ma il lamento come cattolico genovese di Edoardo Rixi mi pare più calzante. E farei queste domande che sono disposto a discutere in qualsiasi sede.
1) La fede islamica e la moschea che la organizza e controlla, conducono alla verità e alla salvezza?
2) I cristiani devono procurare agli islamici oltre alle libertà costituzionali e a quella data da Dio ad ogni uomo, anche la carità delle fede cristiana e della salvezza in Cristo?
3) Gesù Cristo è ancora vero Dio oltre che vero uomo, in contrasto con ciò che vieta di pensare e dire la comunità islamica?
4) Potrebbe parlare sua eminenza di inferno, purgatorio e paradiso delle anime date da Dio distinte dall'embrione umano di cui solo si va occupando da tempo?
5) È giusto desiderare conversione e salvezza per chi non è cristiano o si dialoga solo di affari, di pace e di cose di questo mondo?
Darei un consiglio a sua eminenza: lasci perdere sport, politica, consigli di amministrazione e altre cose mondane e si metta in condizione di rispondere ai problemi di salvezza della sua anima e di quella degli ultimi cattolici. Che ancora credono alle parole dei preti mondanizzati.