«Enel non deve chiedere dati catastali»

«È illegittima la richiesta di dati catastali agli utenti da parte dell’Enel»: lo ribadisce il vicepresidente del consiglio regionale, Luigi Morgillo, che aveva già interessato il ministro per lo Sviluppo economico Claudio Scajola sul problema sollevato a suo tempo dal Giornale. L’iniziativa di Morgillo è tornata di attualità ieri nell’aula del consiglio regionale dove è stato approvato all’unanimità un ordine del giorno, primo firmatario il consigliere Ezio Chiesa del Pd. L’ordine del giorno chiede al presidente della giunta di intervenire nei confronti del governo «affinché la società Enel interrompa l’illegittima richiesta di dati catastali degli immobili serviti dalla fornitura di energia elettrica». «Gli utenti sono costretti a rispondere a proprie spese - conclude Morgillo - addirittura sotto la minaccia di una sanzione amministrativa».