Energetici in flessione

Piazza Affari si è posta ieri tra le migliori Borse europee, con gli indici di chiusura in rialzo di oltre lo 0,2%. Un miglioramento, sia pure modesto, che fa segnare nuovi record agli indici e ritoccare i massimi dell’inizio degli anni 2000. Poco variati i temi operativi, se si eccettua il crollo di Benetton (meno 8,1%), dopo la notizia delle dimissioni dei vertici operativi. Migliora Fiat, dopo il responso di Goldman Sachs che indica un prezzo possibile a 17 euro. Risveglio positivo per Alitalia, che recupera il 4,2%, grazie alle speranze di trovare un partner. Il comparto delle banche sembra risvegliarsi, a seguito delle novità che vengono da Pop.Milano (più 1,6%), mentre sono rimasti sospesi Bpu e Banca Lombarda, in attesa delle comunicazioni ufficiali circa i progetti di aggregazione. Di nuovo in fermento San Paolo e Intesa, ma sempre seguita Capitalia (più 1%). Prevalenti limature per i titoli dell’energia, con Saras che cede il 2%, mentre Tenaris arretra di oltre l’1%. A sostenere il listino sono stati ancora i titoli della moda, con Bulgari in crescita del 3,3%, Valentino dell’1,9%, mentre Tod’s si rafforza con un più 0,6%. Da domani debutto in Borsa per Banca Generali e Poltrona Frau.