Eni cede Padana Energia a Gas Plus per 175 milioni di euro

All'acquirente è stata anche concessa un'opzione per l'acquisto del 100% di Adriatica Idrocarburi.

MILANO - Eni ha siglato un accordo per la cessione a Gas Plus del 100% del capitale di Padana Energia per un prezzo a fermo di 175 milioni di euro. L'intesa prevede inoltre che il prezzo di cessione possa essere integrato da un corrispettivo fino a un massimo di 25 milioni di euro in relazione alla produzione degli asset in sviluppo. Ulteriori integrazioni di prezzo sono previste in relazione al potenziale esplorativo degli asset ceduti.
Eni ha inoltre concesso a Gas Plus un'opzione irrevocabile per l'acquisto di Adriatica Idrocarburi, società posseduta interamente dal gruppo guidato da Paolo Scaroni, esercitabile entro il 30 settembre 2010.
Padana Energia opera nell'estrazione, trattamento e coltivazione dei giacimenti di idrocarburi liquidi e gassosi, nella ricerca ed esplorazione di addizionali riserve di idrocarburi economicamente sfruttabili e nella commercializzazione. Il portafoglio minerario di Padana comprende 11 concessioni di coltivazione, due istanze di concessione e un permesso di ricerca. Adriatica Idrocarburi è attiva nello stesso settore di Padana Energia . Il portafoglio minerario di Adriatica comprende 14 concessioni di coltivazione, due istanze di concessione, cinque permessi di ricerca e tre istanze di permesso di ricerca.
Il closing è subordinato all'autorizzazione dell'Antitrust. Morgan Stanley e Banca IMI hanno svolto il ruolo di advisor finanziario di Gas Plus, mentre lo studio Bonelli Erede Pappalardo e lo studio Colombo Rigano sono stati i consulenti legali.
«Questa operazione dà a Gas Plus l'opportunità di rafforzare in maniera significativa il proprio posizionamento nell'attività di esplorazione e produzione di idrocarburi in Italia», ha commentato l'ad di Gas Plus, Davide Usberti.