Eni cederà subito il 100% di Ip al gruppo Api

Le modifiche all’accordo di vendita di Ip concordate tra Eni e Api per superare le obiezioni dell’Antitrust e preannunciate dal gruppo guidato da Paolo Scaroni si tradurranno in un passaggio immediato del 100% (e non il 90% come stabilito in precedenza) della rete Ip all’Api. Il nuovo contratto sarà presto notificato all’Autorità per la concorrenza. Ora, in base al nuovo accordo, si sarebbe stabilito, oltre al passaggio dell’intera rete Ip ad Api, anche l’eliminazione di vincoli di governance e interferenze di Eni. Il tutto si tradurrebbe in un aumento, in termini economici, dai 186 milioni previsti a 190. L’accordo originario stipulato tra Eni e Api, al termine di una lunga gara, stabiliva la vendita del 90% di Ip con un’opzione di vendita in capo a Eni e di acquisto in capo ad Api per il restante 10%, esercitabili nel periodo compreso tra il 30 giugno 2010 e il 31 marzo 2011.