Enrico Preziosi chiude il ballo sulle punte Olivera impara il mestiere di attaccante

«È ora di smetterla con tutte queste voci su Milito. Diego è un nostro giocatore e adesso godiamocelo. Sta recuperando dall'infortunio, ma non possiamo rischiarlo a Lecce. Credo che sarà pronto col Catania. Floro Flores è un ottimo attaccante, lo abbiamo trattato a giugno, ma in questo momento non sappiamo che farcene. Olivera? Lunedì parleremo col suo procuratore e vedremo che cosa ha deciso Ruben. Sarebbe da pazzi stravolgere questo gruppo. Se qualcuno di quelli che finora ha trovato meno spazio chiederà di essere ceduto, lo accontenteremo. Stop». Enrico Preziosi passa (da Pegli) e chiude. Il patron rossoblù ieri ha fatto un salto in sede per definire il prestito di Forestieri al Vicenza («Nando ha bisogno di giocare con più continuità, a Siena faceva solo degli spezzoni»).
Se Preziosi chiude il ballo delle punte, Olivera non scioglie ancora tutti i nodi relativi al suo futuro: «Io voglio restare qui, ma nel calcio non si sa mai». Un gol (al Chievo) ti allunga la vita: «Per me è stata una liberazione - confessa El Pollo - ho ritrovato fiducia e ora voglio dimostrare quanto valgo. Sto imparando il mestiere di attaccante, anche se non è facile giocare spalle alla porta. A Lecce conto di esserci, sento ancora un po' di fastidio ma va molto meglio. La partita col Torino ci ha dato maggiore consapevolezza dei nostri mezzi. All'inizio non avevamo un obiettivo chiaro, ora sappiamo che possiamo giocarcela con tutti». Un gol su punizione? «Lo cerco sempre, prima o poi lo troverò».
Intanto è stato definito ieri il passaggio dell’attaccante Fernando Martin Forestieri, detto «El Topa», classe 1990, al Vicenza in serie B. Il giocatore è di proprietà del Genoa, ma ha giocato nei mesi scorsi nel Siena, dove, peraltro, ha trovato poco spazio, collezionando solo due presenze in serie A.