Entra in Edun, marchio «etico» del cantante Bono

LVMH, leader mondiale del lusso, entra con una partecipazione minoritaria nel capitale di Edun, il pioniere della “moda etica“ creata dal cantante Bono e da sua moglie Ali Hewson. Lo ha annunciato ieri il gruppo francese senza cifrare l’entità della partecipazione. Secondo indiscrezioni del Wall Street Journal, LVMH potrebbe prendere una quota vicina al 50%. L’acquisto, ha spiegato Arnault agli azionisti, testimonia dell’impegno ecologico del gruppo: Arnault ha escluso che il gruppo, che comprende anche le griffe Fendi e Emilio Pucci, intenda alleggerire il suo portafoglio di marche. LVMH continua comunque a essere prudente per il 2009 anche se ha constatato ad aprile «un leggero miglioramento». Il gruppo ha chiuso il primo trimestre con vendite in crescita dello 0,4%.