Entra Raul e la Spagna vola agli ottavi

Pareggio del capitano del Real, poi la doppietta di Torres, nuovo capocannoniere del mondiale. Squadra promossa

SPAGNA
6 CASILLAS. Sfortunato sulla rete di Mnari, il tiro s’impalla a terra e prende una direzione beffarda.
6 SERGIO RAMOS. Come attaccante nulla da ridire, si ricordasse che però viene schierato nella linea arretrata e non in quella avanzata.
6 PABLO. Non gradisce le libertà dei suoi esterni, ma trae giovamento dalla grinta di Puyol. Come gli altri, balla sul gol tunisino.
6,5 PUYOL. Anima della retroguardia, viene graziato dall’arbitro alla mezzora per un’entrata tosta su Trabelsi. Solo ammonito, capirà che non è il caso di insistere.
6 PERNIA. Vale quanto scritto per Sergio Ramos. A scusante, per tutti, va detto che il loro ct è il primo a chiedere di pensare rapidamente e di agire in maniera ancora più veloce.
5,5 SENNA. Si fa vedere poco, scarse le idee e ancora meno i palloni giocabili.
Dal 1’ st FABREGAS 7. La rete del pareggio nasce da un suo tiro di piatto destro non trattenuto dal portiere.
7 XABI ALONSO. Uno dei pochi che gioca bene anche il primo tempo e non solo il secondo. Non lo aiuta Senna, cresce con Fabregas.
6,5 XAVI. Velonoso dall’inizio alla fine, i tunisini non riescono mai a domarlo del tutto.
5 LUIS GARCIA. Evanescente, per la serie «vorrei ma non riesco». Facile freda dei ragni tunisini, non riesce mai a liberarsi nella ragnatela difensiva degli arabi.
Dal 1’ st RAUL 6,5. Aragones dirà che lo ha schierato lui, certo che la rete dell’1-1 gli permette di gridare la sua gioia in faccia al ct che in Germania lo ha a lungo snobbato perché vecchio.
7 FERNANDO TORRES. Nel primo tempo reclama un penalty che troverà nella seconda metà, 3-1 dal dischetto dopo che aveva firmato anche la conclusione del 2-1.
5,5 VILLA. Ha il merito di provare a scuotere i compagni un paio di minuti dopo il gol tunisino, un tiro da 25 metri troppo telefonato per bucare Boumnijel. Sarà un fuoco di paglia.
Dall’11’ st JOAQUIN 7. Ci mette il piede nell’1-1.
7 Allenatore ARAGONES. Cambi perfetti.
TUNISIA
7 BOUMNIJEL. Per fortuna era ispirato.
6,5 TRABELSI. Tanta sostanza.
6 JAIDI. Alla lunga perde smalto.
5,5 HAGGUI. Un paio di incertezze di troppo.
6 AYARI. Un pendolino.

6,5 MNARI. Che polmoni.

6,5 BOUAZIZI. Tosto.

5,5 CHEDLI. Pretende troppo.

6 NAFTI. Benino, mai benissimo.

5,5 NAMOUCHI. Impreciso.

6 JAZIRI. A volte lo lasciano solo.

Allenatore LEMERRE 5,5. Urla tanto e ragiona poco.
Arbitro: Simon (Brasile) 6. Puyol a parte, tutto ok.