Entro dieci giorni libero anche Abel

«Ludwig», il nome sotto il quale si celavano Marco Furlan e Wolfgang Abel, spietati assassini di omosessuali, barboni, preti, prostitute. Tra il 1977 e il 1984 (anno in cui furono arrestati mentre tentavano di dar fuoco a una discoteca) commisero 15 delitti tra Italia e Germania, senza contare i ferimenti: figli dell’alta borghesia veronese, volevano «ripulire il mondo» in nome di deliri neonazisti, xenofobi e omofobi. Marco Furlan è uscito di galera, dopo 27 anni, lo scorso 3 gennaio. Abel sarà invece libero entro una decina di giorni. Attualmente si trova nella casa di lavoro di Sulmona. Come ha spiegato all’Ansa il suo avvocato padovano Fabio Pinelli, Wolfgang ha avuto un percorso carcerario leggermente diverso da quello di Furlan. Dopo che sarà scaduto il suo periodo, iniziato il 17 gennaio di due anni fa, nella casa di «risocializzazione» Abel potrà tornare libero.