Enza Sampò: in tv colleghi esecrabili

Enza Sampò, alla quale è stato consegnato ieri il Premio Nuova Spoleto nella sezione televisione, ha detto che ora in Tv ci sono «colleghi esecrabili che però sono amati moltissimo dal pubblico. Con l’eleganza e la professionalità non si lavora più in televisione». Tra un paio di anni festeggerà i suoi primi cinquant’anni in televisione (ha cominciato a lavorare nel novembre 1957 con Anni verdi e altre trasmissioni per i ragazzi) e il premio le è stato assegnato perché considerata «la testimonianza più alta di una presenza televisiva che ha avuto successo per la professionalità, l’eleganza, l’equilibrio che l’hanno costantemente caratterizzata».