E.On, verifica Consob prima di Piazza Affari

da Milano

La Consob segue con attenzione l’evolversi della vicenda E.On, dopo che sabato il settimanale tedesco Spiegel ha scritto della possibilità di una rastrellamento di azioni Enel come risposta all’ingresso del gruppo italiano nel capitale della spagnola Endesa. Questa mattina, prima dell’apertura dei mercati, l’Autorità di vigilanza potrà valutare le eventuali mosse necessarie, tra le quali potrebbe forse essere inserita anche quella di un contatto con l’Autorità di vigilanza tedesca. In ogni caso la Consob non ha nessun potere di intervento presso una società straniera che non abbia una partecipazione rilevante in una società quotata italiana: in altri termini, solo se E.On dovesse superare il 2% in Enel, Consob avrebbe i poteri di chiedere le spiegazioni che ritenesse necessarie. Oggi è attesa la reazione della Borsa: se anche venisse confermato il rastrellamento tedesco, gli acquisti sarebbero comunque effettuati non sul mercato, ma presso i fondi, come ha fatto Enel stessa con Endesa.