Epifania tra Magi, sfilate e Befane rombanti

Oltre al classico raduno benefico dei motociclisti, domenica ricca di iniziative nei teatri. Caccia al tesoro al museo di storia naturale

La Befana è arrivata in città. E prima di ripartire portando via con sé tutte le feste, ha regalato l’ultima giornata di allegria natalizia. Fatta di sfilate e raduni, giochi e cacce al tesoro, momenti di intrattenimento a scopo benefico e show per la pace. Tanti appuntamenti per grandi e piccini che, per tutta la giornata, hanno animato le vie del centro, prese d’assalto anche dai patiti dello shopping che hanno approfittato della prima domenica di saldi invernali.
Punto centrale della festa piazza Duomo, dove alle 8.30 del mattino si sono date appuntamento oltre cinquemila befane in motocicletta. Centauri in piena regola, giunti da ogni parte d’Italia e per l’occasione vestiti da vecchietta con la ramazza in mano. Scopo dell’iniziativa, cominciata 41 anni fa e organizzata dal Motoclub Ticinese di Milano, ricevere la benedizione e poi distribuire un dono e un saluto a chi è solo o soffre, in particolare gli ospiti della fondazione Sacra Famiglia e dell’istituto Piccolo Cottolengo Don Orione. Una Befana in formato extra-large si è poi unita al rumoroso corteo su due ruote.
Alle 11.30, sempre sul sagrato del Duomo, è stata la volta della tradizionale sfilata dei Re Magi, seguiti da tantissimi bambini, persone in costume, la banda civica, i Martinitt e le majorette. Melchiorre, Gaspare e Baldassarre hanno camminato lungo via Torino per raggiungere la basilica di Sant’Eustorgio. Dove, secondo la tradizione, sarebbero conservate le reliquie dei Magi. Qui hanno consegnato i loro doni al presepe vivente. A tutti i piccoli partecipanti sono state inoltre consegnate le istruzioni per costruire aeroplani colorati, che hanno preso il volo alle 15.30. La festa ha coinvolto anche due musei della città. In quello di Storia naturale sono stati organizzati giochi e momenti di intrattenimento. Fra i quali una caccia al tesoro, riservata ai bambini, con in palio doni e carbone consegnati dalla Befana. Il museo della Scienza e della tecnologia, invece, ha allestito alcuni laboratori per soddisfare le «curiosità tecnologiche» dei piccoli ospiti.
Non hanno mancato l’appuntamento con l’Epifania gli agenti dell’Associazione poliziotti italiani, ideatori di un megashow per la pace al Teatro dal Verme.
Ovunque, in città, è stato un via vai di befane. Bruttissime o sexi, come quelle che hanno consegnato caramelle in via Dante. Fra gli sguardi incuriositi dei passanti impegnati ad approfittare dei saldi invernali con sconti fino al 70 per cento. Del resto, secondo uno studio della Camera di commercio di Milano, l’Epifania è una festa ancora molto sentita. Almeno da un italiano su due, che non rinuncia a consegnare l’immancabile calza piena di dolci o carbone ai suoi cari.