Prima epurazione di Sarkozy «Punirò chi mi rema contro»

Parigi. Il primo a saltare è stato Gerard Dubois, responsabile della Comunicazione da 12 anni presso il gabinetto del Prefetto di Parigi. Ma altri lo seguiranno: Nicolas Sarkozy, tornato ministro degli Interni, pare deciso a fare piazza pulita di un presunto complotto ai suoi danni.
Sarkozy, 50 anni, vuole punire chi ha messo o mette in giro voci che possano ostacolare la sua corsa alla presidenza della Repubblica nel 2007. La prima, da lui stesso confermata, riguardava quella della crisi con la moglie Cecilia. Il nome di Sarkozy è anche comparso in una lettera anonima inviata a un giudice istruttore: la missiva conteneva i nomi di 800 presunti titolari di conti segreti all’estero.
Per il giornale Le Parisien, Sarkozy è convinto che esista una specie di «gabinetto nero», composto da alti funzionari e politici fedeli al suo nemico numero uno, il presidente Jacques Chirac, che gli fanno la guerra.