Erg dà il via all’operazione «prezzo chiaro» con un aumento

da Milano

Parte con un aumento di 0,020 euro al litro sulla benzina e di 0,031 euro sul gasolio, l'operazione trasparenza dei listini dei carburanti, lanciata dalla Erg. La compagnia petrolifera annuncia infatti che con il nuovo meccanismo «Prezzo-chiaro» che la vedrà adeguare settimanalmente i propri prezzi all’andamento delle quotazioni internazionali dei carburanti nei 7 giorni precedenti, da oggi i propri listini di vendita segneranno un aumento. La misura è stata presa in risposta alle polemiche sul tardivo aggiornamento dei listini rivolte alle compagnie da parte dei consumatori. Un rialzo di 0,020 euro per la benzina che andrà a 1,228 euro al litro e di 0,031 per il diesel a 1,109 euro. Un aumento che è la risultante - si legge in una nota - del trasferimento delle variazioni dei prezzi Platt's (quelli cioè di riferimento del mercato europeo) convertiti al cambio euro-dollaro medio dell'ultima settimana rispetto a quella prima. Sui mercati internazionali la benzina ha infatti registrato un aumento di 0,018 euro «pari a 0,022 euro, Iva inclusa». Per il gasolio invece il rincaro internazionale dell'ultima settimana, rispetto alla precedente, è stato di 0,026 euro «pari a 0,031 euro Iva inclusa».