Erg non rilancia il prezzo dell’Opa

Enertad

Erg non alzerà il prezzo della propria offerta volontaria su Enertad, promossa lo scorso 6 luglio, che si concluderà quindi il 9 agosto a un prezzo di 3 euro per azione. Il mancato ritocco dell'offerta - spiega una nota - è dovuto alla posizione di alcune banche coinvolte nell'operazione, che non hanno ancora espresso il loro assenso. La decisione, tuttavia, non modifica gli accordi raggiunti tra Erg e Alerion Industries, che lo scorso 27 luglio hanno stipulato un patto parasociale triennale sulle rispettive partecipazioni in Enertad, con un diritto di co-vendita in caso di cessione della quota posseduta da Erg in misura tale da farla scendere sotto il 50% più un'azione. Con la stipula del patto Erg si era impegnata a modificare il prezzo dell'offerta da 3 a 3,1 euro entro ieri, a condizione che tutte le banche aderenti alla convenzione dessero il loro assenso. Erg e Alerion hanno prorogato al 20 settembre i tempi per l’accordo con le banche.