Eridania, Bondi in Tribunale

da Milano

Enrico Bondi e Stefano Meloni compariranno il prossimo 7 marzo davanti al Gip Clementina Forleo per una rogatoria chiesta dalla magistratura francese nell'ambito di un’inchiesta per la scissione di Eridania. Al momento della scissione, nel 2001, Bondi era amministratore delegato di Montedison mentre Meloni era presidente e direttore generale del gruppo zuccheriero. La rogatoria è stata chiesta dal Tribunale di Nanterre.
Secondo le indiscrezioni diffuse nella tarda mattinata di ieri sia Bondi sia Meloni figurerebbero tra gli indagati. Più tardi fonti vicine ai legali dell’attuale numero di Parmalat hanno parlato di testimonianza come «persona informata dei fatti». La vicenda risale a sei anni fa, quando il cda di Montedison decise la scissione della controllata francese Eridania-Beghin Say, quotata alla Borsa di Parigi, in quattro aziende: Beghin-Say, Cereol, Cerestar e Provimi. L’indagine riguarderebbe la correttezza di premi pagati a dirigenti e dipendenti in occasione della scissione. Delò tutto estranea alla vicenda è Parmalat, che ieri in Borsa ha perso lo 0,21%.