Un errore costa caro all’Ulivo Non potrà correre a Cagliari

La lista dell’Ulivo, il Pri e la Dc restano fuori dalla competizione elettorale per le amministrative di Cagliari del 28 e 29 maggio.
Per quanto riguarda l’Ulivo, la commissione elettorale circoscrizionale ha confermato la decisione presa dai funzionari comunali subito dopo la presentazione delle liste e ha respinto il ricorso. Già per oggi è previsto un altro ricorso al Tar della Sardegna per chiedere che sia il Tribunale amministrativo a pronunciarsi sulla questione. La lista è stata esclusa per un vizio di forma: la dichiarazione di collegamento al candidato sindaco del centrosinistra Gian Mario Selis (Dl) portava la firma dei «presentatori» e non dei «delegati» indicati nella lista. La commissione elettorale circoscrizionale non ha ritenuto sufficiente il richiamo a una sentenza del Tar del Molise, speculare al «caso Cagliari». Anche per il Pri (che sostiene il centrodestra) ci sarebbe un vizio di forma. Mentre per la Dc il problema riguarderebbe il simbolo: troppo simile a quello dell’Udc.