Errore nell’aborto Indagati 2 medici

La Procura ha indagato per aborto colposo due medici dell’ospedale San Paolo (il chirurgo e l’ecografista) che hanno partecipato all’interruzione di gravidanza praticata a una donna di 38 anni che, il 5 giugno scorso, è entrata in sala operatoria per sottoporsi all’aborto selettivo di una delle due gemelle che portava in grembo, affetta da sindrome di Down. Per errore, l’interruzione di gravidanza era stata eseguita sul feto sano e non su quello malato. In seguito, la donna aveva quindi portato a termine l’interruzione volontaria della gravidanza della gemella che presentava l’alterazione cromosomica. L’ipotesi di reato a carico dei due medici - entrambi donne - è prevista dall’articolo 17 comma 1 della 194, la legge sull’aborto. Il pm Marco Ghezzi, inoltre, ha disposto una consulenza tecnica per chiarire le eventuali responsabilità dei medici sotto inchiesta.