Esalazioni sospette, tre passanti in ospedale

Uno strano odore ha invaso nel pomeriggio di ieri le strade vicino a piazza Cavour, in Prati. Intorno alle 16,30 alcuni passanti hanno sentito un forte odore e si sono sentiti male, lanciando subito l’allarme. Sono accorsi sul posto i vigili del fuoco, per accertare la provenienza dell’esalazione, e sette squadre del gruppo intervento traffico (Git) e gli agenti del I e del XVII gruppo dei vigili urbani per dirottare il traffico da via Marianna Dionigi verso via Cola di Rienzo, piazza della Libertà e Lungotevere. Tre passanti sono stati soccorsi dagli infermieri del 118 a scopo preventivo e trasportati al vicino ospedale Santo Spirito perché avevano accusato bruciore agli occhi. I tre sono stati dimessi con prognosi di tre giorni per «tosse derivante da esalazioni urticanti».
Dopo i controlli necessari, i vigili del fuoco hanno ipotizzato che a originare l’odore sia stata una sostanza acida finita all’interno delle condutture fognarie ed entrata a contatto con l’acqua. È anche possibile che si sia trattato di uno scarico abusivo di qualche negozio della zona e per questo sono stati controllati anche una tipografia e un’armeria. «Gli accertamenti - ha dichiarato il comandante provinciale dei vigili del fuoco, Guido Parisi - hanno dato esiti negativi».
Per alcune ore successive alle segnalazioni le strade inizialmente chiuse a scopo cautelativo sono state tenute sotto controllo e, solo dopo un paio d’ore e i relativi rilevamenti, la circolazione è stata completamente riportata alla normalità, riaprendo via Marianna Dionigi e le strade adiacenti. Per tenere ulteriormente sotto controllo la zona, però, sono rimaste in strada diverse pattuglie della polizia municipale, oltre a un camion dei vigili del fuoco per un eventuale intervento immediato. «Siamo intervenuti subito - ha spiegato ancora il comandante - e abbiamo fatto tutti gli accertamenti del caso nel settore chimico e biologico».