Esalazioni di zolfo da uno scavo privato: evacuate 32 famiglie

Una riunione si è svolta ieri in Prefettura per affrontare l’emergenza determinata dalla fuga di zolfo avvenuta mercoledì sera a Morena, che ha provocato l’evacuazione di 32 famiglie residenti in via Vervio e in via Poggiridenti a Morena. L’esalazione di anidride solforosa e carbonica è stata provocata da «una perforazione in profondità effettuata per conto di un privato», come ha rilevato il pool di esperti presente alla rinuone: il prefetto ha invitato le autorità locali a svolgere controlli su eventuali attività «non autorizzate svolte da privati». Le emissioni gassose hanno coinvolto un centinaio di persone, tutte evacuate nel corso della notte. «Di queste - precisa la prefettura - circa 70 sono state assistite dal Comune di Roma, mentre le rimanenti hanno provveduto autonomamente». Dopo l’intervento dei Vigili del Fuoco e una task force del Comune di Roma sono stati allertati anche la Provincia, l’Istituto Nazionale di geofisica e vulcanologia, il Dipartimento di geologia dell’Università Romatre che stanno procedendo alla verifica e al monitoraggio delle zone circostanti.