«Esami inutili e costosi, vanno aboliti»

«Il rito degli esami di maturità si sta consumando anche quest’anno coi suoi soliti fasti inutili, costosi, ridicoli e diseducativi». È quanto afferma in una nota l’Aduc sottolineando che «l’attenzione mediatica è notevole, sia perchè quasi qualunque italiano medio, più o meno insofferente, è passato sotto questa tagliola, sia perchè chi dovrebbe sovrintendere al loro corretto e funzionale svolgimento, è dentro una bagnarola su cui non ha alcun potere di governo». «Ci teniamo le scuse del neoministro Maria Stella Gelmini - prosegue l’Aduc - per le figuracce dei suoi funzionari incapaci e arruffoni (quella dei diffusi errori di grammatica sul testo in lingua inglese, è il massimo perchè dà la dimensione provinciale e caciarona del nostro sistema-paese), ma non ce ne facciamo nulla. Ma come se non bastasse, nonostante i rigidi controlli per evitare che le soluzioni agli esami fossero già fruibili da chiunque a prova d’esame ancora in corso, la multi e diffusa medialità di Internet è stata generosa anche questa volta». «Essendo agli esordi - aggiunge l’Aduc - da un ministro ci saremmo aspettati le dimissioni e non il presunto licenziamento dei presunti responsabili».