ESECUTIVO ISTITUZIONALE

Si forma dopo una crisi di governo, quando il parlamento non riesce a esprimere una maggioranza. Viene affidato al presidente del Senato o della Camera o un esponente delle istituzioni di lunga esperienza. Resta in carica per gestire l’ordinaria amministrazione fino alle elezioni, o per varare una riforma non rinviabile. Così per esempio, l’allora governatore della Banca d’Italia Carlo Azeglio Ciampi nel ’93 varò la riforma elettorale. Prima di lui, nel 1963 e nel 1968, Giovanni Leone fu incaricato di formare due governi per l’approvazione della legge di Bilancio. A guidare due governi istituzionali, nell’82 e nell’87, fu anche Amintore Fanfani.