Un esercito di 500 a vigilare

Qualcuno mugugna un po', come il Sap, il sindacato autonomo di polizia, che avrebbe voluto un punto di ristoro davanti allo stadio Luigi Ferraris. Un pasto caldo prima del derby. La richiesta non è stata accettata, perché quell' area deve essere tenuta libera per problemi di ordine pubblico. Morale della favola? «Dovremo accontentarci di un panino alla mensa di servizio - spiegano dal Sap -, e soltanto i più fortunati riusciranno a prenderlo».
Mugugni sparsi qua e là alla vigilia di una lunga giornata per le forze dell'ordine. Dalle 17.30 tutti operativi, la speranza è quella che 60 minuti i primi tifosi incomincino ad affluire allo stadio per evitare che ci sia il maxi ingorgo quando ormai è vicino il fischio d' inizio. Saranno circa 300 i militari impegnati, nessun rinforzo da altre città. A cui bisognerà aggiungere anche i 200 steward a disposizione della Sampdoria. Uno schieramento tipo per evitare sorprese che, comunque, non sono in programma. «Se qualcuno dovesse superare i limiti imposti saremo pronti a dare sanzioni prima e anche dopo, e mi riferisco ad esempio al Daspo: avremo mano tesa ma ferma. Ma sono certo che tutto andrà bene», ha spiegato il Questore Salvatore Presenti.
Dunque, nessun allarme anche se qualche piccolo segnale c'è stato: «Ma di poco conto, pensiamo che si tratti di piccoli gruppi. In ogni caso, presidieremo con attenzione tutte le zone», ha aggiunto il Capo di Gabinetto della Questura Sebastiano Salvo. Che poi lancia un altro messaggio, biglietto e documento d'identità ben vista per facilitare le operazioni all'ingresso del Luigi Ferraris. E sembra essere tranquilla anche la situazione riguardante quei tornelli che, ogni tanto, non accendono al luce verde. «A volte è capitato perché il codice a barre del biglietto non era stampato perfettamente, proprio per questo invito i tifosi del Genoa che hanno il tagliando di gradinata Nord di andare presto allo stadio. E c'è anche un' altra avvertenza: controllare sul biglietto il numero del tornello e del varco da cui si può entrare», ha continuato Salvo. E ci sarà anche la possibilità che tifosi rossoblucerchiati si ritrovino accanto nel settore dei distinti. L'input agli steward è quello di avvicinare i tifosi genoani al lato della gradinata nord anche se il biglietto nominativo e numerativo non lo prevede. Per il derby si può fare un eccezione.