Un esercito di auto blu: sono 90mila in Italia

Le stime del ministero della Funzione pubblica da un questionario inviato a tutti gli enti della Pa: 10mila sono in dotazione ai politici, 20mila agli alti papaveri dello Stato, 60mila quelle di servizio

Roma - Un esercito di auto blu. Nel 2010 si stima che il parco auto delle pubbliche amministrazioni sia di circa 90mila. Sono i primi risultati di un’indagine condotta per la prima volta dal ministero della Funzione pubblica attraverso il Formez. I dati sono stati resi noti oggi dal responsabile di Palazzo Vidoni, Renato Brunetta. Diecimila sono le auto "blu blu" in dotazione dei politici (dal Capo dello Stato in giù); 20mila le "blu" degli "alti papaveri dello Stato"; 60mila le "grigie" (a uso di servizio, senza autista). Il costo medio annuale per ogni singola auto si stimi ammonti a circa 3.300 euro, cifra che si riferisce ai soli consumi: sono inclusi i costi di bollo e carburante, mentre sono esclusi, i costi del personale e quelli di noleggio, acquisto e manutenzione. Il costo medio è stato calcolato sulle dichiarazioni di spesa presentate dalle singole amministrazioni e diviso per il numero dell’intero parco auto, incluse le auto non utilizzate o poco utilizzate. Nel 2009 esso varia, per le singole fasce, da circa 8 mila per le auto "blu blu", ai 3 mila per le "blu" fino ai 2 mila per le "grigie".

Brunetta Le amministrazioni finora rilevate, ha spiegato il ministro, sono il 26% e rappresentano il 41,5% del totale dei dipendenti delle amministrazioni interessate. Il personale impegnato per il parco auto è di circa 1,4 unità per autovettura. Il questionario è stato inviato alle 9.199 amministrazioni centrali e locali e fino a oggi, ha detto Brunetta, hanno risposto in 2.221 equivalenti al 26% del totale. I costi del parco auto nel 2009 delle amministrazioni comprese in questo 26% è stata di circa 88 milioni.