Esercito in città: 216 fermati, 190 sono stranieri

Una mappa del pericolo con otto piazze o vie ad alto rischio. È quanto emerge dai dati sui fermi e gli arresti nei confronti di immigrati durante l’operazione «Strade sicure» condotta da pattuglie miste di militari e forze dell’ordine. Numeri che permettono di stilare la classifica dei punti meno raccomandabili della città, tra i quali non stupisce di trovare al primo posto la Stazione Centrale con 36 reati rilevati da agosto a oggi. E che andrebbero sommati a fermi e arresti compiuti nello stesso periodo da polizia e carabinieri nel corso dei controlli di routine. Al secondo posto per mancanza di sicurezza via Rogoredo con 31 reati, per colpa soprattutto delle bande dei Latinos che la fanno da padroni. A pari merito invece con 23 episodi criminali ciascuna delle tre direttrici a forte immigrazione musulmana: via Padova, viale Monza e via Imbonati, perpendicolare di viale Jenner. E se corso Buenos Aires è nota come la via dei negozi, nella parallela via Benedetto Marcello a fare shopping sono soprattutto ladri e borseggiatori: su 19 fermi o arresti compiuti dalle pattuglie miste quasi la metà riguarda questo tipo di reato.
Nelle otto aree della mappa della paura rientrano infine anche San Siro, con 17 crimini, e Cascina Gobba a quota 13. Nonostante la fama non proprio delle migliori si ferma invece a sei reati Quarto Oggiaro, alla pari con Baggio, superando di poco via Porpora (cinque) e via Sacchini (quattro). I malviventi di ciascuna via hanno poi un crimine in cui eccellono. Se il record di furti si registra in via Benedetto Marcello (otto gli arresti per questo reato), le risse scoppiano soprattutto in piazza Duca D’Aosta (11 casi rilevati dalle pattuglie), mentre la centrale dell'immigrazione clandestina è via Rogoredo dove 25 stranieri sono stati trovati con i documenti non in regola. La «capitale» dello sballo è invece via Padova con sei fermi per possesso di droga e cinque per guida in stato di ebbrezza (a pari merito con via Sacchini).
La criminalità si rivela però meno frammentata di quanto potrebbe sembrare. Su 222 fermi e arresti nelle nove zone della città quasi la metà, ben 96, sono scattati in zona due, in cui si concentrano luoghi come la Stazione Centrale, via Padova, viale Monza e Cascina Gobba. Una situazione intermedia si riscontra in altre quattro zone: la quattro, con 33 reati, la tre, con 29, la nove (26) e la sette (25). Mentre altre quattro zone risultano essere delle isole felici: a battere tutti è la sei (che gravita su via Lorenteggio), con zero reati, seguita dalla cinque (a quota 2), dalla uno (5) e dalla otto (6). Dai dati complessivi risulta che le pattuglie hanno eseguito in tutto 89 fermi a carico di extracomunitari trovati con i documenti irregolari. In tutto 27 quelli per possesso di stupefacenti, mentre tre sono stati relativi a episodi di molestie sessuali registrati in Centrale, via Padova e via Benaco. Infine, i 190 fermi a carico degli immigrati sono la stragrande maggioranza di quelli totali, pari a 216, mentre su 53 arresti 29 hanno riguardato stranieri.