Un esercito di «pizzardoni» per Natale: ma solo in centro

Alessia Marani

Trecentocinquantamila euro di straordinari per i vigili urbani capitolini. Ma tutti concentrati solo sul «problema traffico» in centro storico. Neanche un euro di finanziamenti non ordinari è stato sottoscritto dal comandante dei «pizzardoni» Aldo Zanetti per i Gruppi periferici, anch’essi però direttamente coinvolti sul fronte dell’«emergenza Natale»: vale a dire shopping a gogò con soste e parcheggi selvaggi e chiusure improvvise della viabilità in corrispondenza delle strade più affollate per la tradizionale e frenetica corsa ai regali a cui il personale della municipale deve presidiare.
Insomma, uno «straordinario» di nome e di fatto che grava non poco sul bilancio delle casse comunali (già carenti) e che, comunque, non riuscirebbe, anche se esteso, a coprire le esigenze di servizio di un organico che su Roma vanta un buco spropositato di circa duemila unità. Come spiega Luigi Marucci, segretario dell’Ospol, l’Organizzazione sindacale delle polizie locali:
«Come se non bastasse, da ottobre a fine anno - dice - il Comune di Roma manderà in pensione complessivamente circa trecento vigili urbani. Quindi, il personale subirà un’ulteriore diminuzione di unità che peserà non poco su turnazioni, incisività e qualità del lavoro. Per questo chiediamo che l’ultimo concorso indetto cinque mesi fa venga espletato immediatamente, almeno per sostituire i 300 dipendenti che al primo gennaio 2006 non saranno più in forza al Corpo. Quindi - continua Marucci - di lasciare aperte le graduatorie, in maniera tale, da qui a tre anni di tempo, di potere coprire via via l’intero ammanco di quota duemila».
Con un fax «urgentissimo» datato 2 dicembre, Zanetti scrive al personale: «Oggetto: prestazioni lavoro straordinario fino al 31/12. Integrazione fondi. In considerazione dell’attuale disponibilità finanziaria (si procede) alle seguenti assegnazioni dei fondi. Fluidificazione traffico sul lungotevere: 52.000 euro; repressione soste sul lungotevere: 36.800 euro; servizi vari centro storico: 260.000 euro. Si sottolinea - conclude il documento - che predetta assegnazione è tassativa. Pertanto, eventuali maggiori spese per prestazioni di lavoro straordinario non potranno essere liquidate».
«Purtroppo, però - aggiunge ancora Marucci - le problematiche di viabilità esistono tutto l’anno e, come si vede, di fondi straordinari non si può andare avanti. La situazione è critica e serve un intervento immediato. Non solo. Per quel che riguarda il Natale, un esercito di vigili servirebbe in molte altre zone e nemmno così periferiche, però, completamente dimenticate dall’amministrazione. Basta pensare agli ingorghi infernali immancabili in strade commerciali quali via Cola di Rienzo, via Appia, via Tuscolana, via Ottaviano o viale Marconi. Solo per citarne alcune».