Esodo, assalto agli aeroporti in 380mila in fila ai check-in

Malpensa e Linate reggono il colpo: pochi ritardi e gestione bagagli ok Sessanta voli solo per Ibiza e Creta

L’esodo estivo ha raggiunto l’apice. Se non bastassero le strade semideserte, a parlare chiaro ci pensano i dati dei transiti per i principali aeroporti milanesi. I passeggeri che utilizzeranno gli scali lombardi in questo weekend saranno 380 mila. Principale bersaglio dell’attacco vacanziero Malpensa, che dovrà reggere 280 mila passeggeri, 100 mila nella sola giornata di oggi. Le mete preferite dai milanesi che viaggiano in aereo, sono le località balneari. Gettonatissima la trasgressiva Ibiza, patria di feste, spiagge e discoteche. Vera e propria colonia meneghina. Fra ieri e oggi, dal terminal 2 dello scalo di Malpensa, si sono alzati in volo ben 37 aerei alla volta dell’isola spagnola.
Sul secondo gradino del podio le isole greche, Creta e Rodi in testa, con 30 voli.
A seguire, a pari merito, Palma di Maiorca e le località sul mar Rosso, che si attestano sui venti charter. Fra le destinazioni intercontinentali, la medaglia d’oro va alle spiagge caraibiche, in testa alla lista dei luoghi sognati dai milanesi.
Ma i picchi di traffico raggiunti in questo week end, non sembrano aver creato problemi agli aeroporti della Sea. La società che gestisce i due scali rende noto che venerdì, nonostante gli 83 mila transiti, la puntualità è stata garantita nell’83 per cento dei voli Alitalia, e nell’88 per cento dei casi per le altre compagnie. Anche i dati relativi all’attesa ai «filtri di controllo sicurezza» sono confortanti: non più di cinque minuti.
Anche la stazione centrale è stata presa d’assalto da turisti in arrivo e in partenza. Secondo gli esperti, il 25 per cento dei milanesi ha deciso di abbandonare la città a bordo di un treno.
Le mete più raggiunte «su ferro» sono sempre quelle in riva al mare. La Liguria da una parte e la riviera romagnola dall’altra, fanno il record di biglietti per gli spostamenti brevi; poi i lunghi viaggi verso il sud.
Ma esodo, come ogni estate, diventa anche sinonimo di traffico. Tantissimi, infatti, gli italiani che hanno deciso di mettersi al volante per raggiungere ombrelloni e asciugamani. A sintetizzare la situazione della viabilità ci pensa Autostrade per l’Italia, che appiccica sul fine settimana un «bollino rosso».
Ieri gli spostamenti sono stati favoriti anche dallo stop ai mezzi pesanti, imposto fino alle 24, e gli automobilisti hanno raccolto l’invito ad evitare di accendere il motore nelle ore più critiche. Lunghi comunque i tempi di percorrenza, «dalle prime ore di venerdì notte - comunica la società Autostrade in una nota - sono iniziate le ultime partenze di agosto verso le località di villeggiatura. Come previsto il traffico è molto intenso sulla A1 autostrada del Sole da Milano verso Napoli e sulla A14 Adriatica da Bologna verso la riviera romagnola».