Esperta di Israele? No, ebrea

Giornalista? Scrittrice? Esperta di questioni mediorientali? Componente del Jerusalem Center for Public Affaires, dell’Hudson Institute di Washington, della Fondazione Magna Carta e della Fondazione Italia-Usa? Macché. Ebrea. Così l’agenzia di stampa ApCom ha definito Fiamma Nirenstein, deputata del Pdl, nell’indicarne la designazione alla commissione Affari Esteri della Camera. Già il titolo è inelegante: «Camera/ Pdl piazza Nirenstein e Ruben in commissione Esteri». Piazza, vabbè. Segue testo: «Ci saranno gli ebrei Fiamma Nirenstein e l’ex presidente dell’Anti Defamation League Italia Alessandro Ruben». Il centrodestra ha «piazzato» altri sei esponenti. Tutti cattolici, pare. Non c’è scritto.