Espugnare il Cittadella per non cadere nel baratro

Archiviata l’ennesima sconfitta esterna (la miseria di 2 punti in 7 trasferte), l’Albinoleffe torna in casa con l’impegno di respingere l’attacco del Cittadella e mantenere la posizione ai confini della zona pericolosa. La gara di oggi, infatti, è considerata uno scontro-salvezza, con i seriani a quota 15, 3 punti in più dei veneti, penultimi in classifica. Mondonico, in attesa di recuperare gli infortunati, mette in guardia i suoi: «Per noi non ci sono gare facili - ha commentato -. Nessuna lo è. Ci sono gare più difficili e altre meno, ma ogni partita presenta i suoi ostacoli. Prendiamo il match con il Sassuolo: gli emiliani ci hanno creato più problemi, nel corso dei primi 45’, di quanti ce ne abbia dati il Torino in 90’ martedì scorso. Il Cittadella è una squadra insidiosa, ci darà tanto filo da torcere, lo sappiamo per certo». Soprattutto se si tiene conto che Torri e Bombardini, i due attaccanti titolari, sono sempre indisponibili e che Cocco, Cissè e Momentè sono reduci da acciacchi vari e non al meglio della condizione. Conforta il tecnico, invece, la possibilità di mandare in campo Regonesi e Passoni che, con Zenoni, rappresentano il serbatoio di esperienza della «celeste». Intanto è stata accolta con soddisfazione la convocazione in Under 18 di Mattia Valoti, il centrocampista talentuoso che, a quanto si sussurra, a gennaio potrebbe lasciare la valle Seriana per indossare la maglia del Milan. Una piacevole parentesi, che però non ha spostato l’attenzione dall’impegno odierno contro il Cittadella. La truppa di mister Foscarini, ex Atalanta e Alzano Virescit, è reduce da una contestata e immeritata sconfitta casalinga contro la Reggina. Una sconfitta maturata attraverso due calci di rigore che hanno vanificato una prestazione positiva della squadra. Queste le probabili formazioni. Albinoleffe (4-4-2): Tomasig; Luoni, Sala, Bergamelli, Regonesi; Zenoni, Hetemaj, Previtali, Foglio; Momentè (Grossi), Cissè. Cittadella (4-3-1-2): Villanova; Manucci, Gorini, Scardina, Marchesan; Dalla Bona, Musso, Volpe; Ballazzini; Piovaccari, Nassi.
L’arbitro è Daniele Doveri di Roma.