Espulse dal liceo per il velo l’Ue respinge il ricorso

La Corte europea dei diritti dell’uomo ha respinto ieri il ricorso di due francesi musulmane che avevano denunciato l’espulsione da una scuola (convalidata dai tribunali francesi) perché avevano rifiutato di rimuovere il loro velo durante le lezioni di ginnastica. Per i giudici europei l’uso di simboli religiosi nelle scuole non è di per sé incompatibile con il principio di laicità, anche se le autorità devono garantire «con grande vigilanza che la manifestazione delle convinzioni religiose in una scuola» non si trasformi in una ostentazione «che sia fonte di pressione e di esclusione».