Esquilino, è ufficiale: Cina batte Italia

Oggi all’Esquilino parlare di una «Chinatown romana» non è più un esercizio retorico, ma la fotografia di una situazione che gli ultimi dati sulle attività produttive nel rione attestano senza possibilità di smentita. Su un campione di circa 1200 attività, infatti, oltre un terzo è rappresentato da esercizi riconducibili alla comunità cinese. Show-room di copertura, nella maggior parte dei casi. Negozi perennemente vuoti, ricavati dal frazionamento di locali mediante tramezzi in compensato, una pratica severamente vietata dalle ultime normative sul commercio.