Un’estate all’Ottagono fra cultura, moda e sport

La kermesse, ricca di eventi, parte domani con il Swing Quartet e chiude il 18 settembre

Roberto Zadik

Un’estate all’insegna della cultura e dell’intrattenimento che, da domani, con la quinta edizione della manifestazione «Milano Ottagono» coinvolgerà i milanesi con oltre cinquanta eventi che spaziano sul tantissime altri temi: dalla letteratura allo sport.
Per tutta la stagione ormai alle porte, fino al 18 settembre, la Galleria Vittorio Emanuele farà da scenario con i suoi soffitti e i suoi negozi alle iniziative più varie ospitando, tra i numerosi appuntamenti, concerti di musica classica e leggera e rappresentazioni teatrali oltre a una serie di serate danzanti e spettacoli per bambini.
Tra poco più di ventiquattro ore partirà una kermesse che, secondo i dati forniti dal sindaco Gabriele Albertini, negli anni ha raccolto «una media di 34mila persone ogni edizione». Un bilancio positivo per una rassegna che inizierà alle 18 quando gli strumentisti dello Swing Quintet, tra cui il sassofonista Michele Bozza e il pianista Giorgio Deleo si esibiranno in una performance a ritmo di jazz.
Ma il calendario di proposte comprende anche novità come l’allestimento di un maxischermo attraverso il quale seguire competizioni appassionanti come il Gran Premio di Formula 1 di Indianapolis (a partire dalle 20 di dopodomani). Accanto allo sport verranno sviluppate tematiche che spazieranno dalla letteratura, al cinema fino alla moda e all’arte per arrivare a dibattiti riguardanti l’economia milanese e lombarda. E proprio sui cambiamenti in corso a Milano e nella realtà italiana in genere, si svolgerà, da lunedì al venerdì alle 18, il ciclo d’incontri «Una Milano di Eccellenza», curato dalla Camera di Commercio e dal Comune. Le conferenze verranno presentate martedì dall’assessore alla Moda e ai Grandi eventi Giovanni Bozzetti e tratteranno argomenti di grande attualità come il welfare, il non profit e le riforme sociali. Gli amanti dell’arte, invece, verranno accontentati con la rassegna «Apertamente» nella quale si approfondiranno classici dell’arte, come «la Pietà Rondanini» scolpita da Michelangelo o, opere contemporanee il «Grande Disco» di Arnaldo Pomodoro. A proposito di questa iniziativa, l’assessore Bozzetti ha espresso la propria soddisfazione sottolineando che «questo evento gratuito, assieme alla notte bianca è la dimostrazione di una città viva e dalle mille proposte».