Estate da gustare tra mostre e musei

I simboli d'arte più conosciuti e i tesori dell’Italia minore diffusi sul territorio, spesso vicini alle località
turistiche, saranno visitabili anche in questi giorni. Sul sito del ministero dei beni culturali è disponibile l'elenco completo dei musei e delle aree archeologiche visitabili

Milano - Una buona notizia per chi ama l'arte è che anche in questi giorni sarà possibile entrare nei principali musei italiani. Gran parte di essi, infatti, così come i monumenti e i siti archeologici statali saranno aperti al pubblico anche in questi giorni di festa. Per ogni informazione su orari di apertura, prenotazioni ed eventuale costo del biglietto è attivo un call center nazionale che risponde al numero verde 800991199, gratuito per chiamate da telefonia fissa effettuate dal territorio italiano. Il servizio è accessibile tutti i giorni dalle 9 alle 19.

Un'occasione imperdibile "I simboli dell’arte più conosciuti e i tesori dell’Italia minore diffusi sul territorio - ha dichiarato il ministro per i Beni e le attività culturali, Sandro Bondi - spesso vicini alle località turistiche, saranno visitabili anche il giorno di ferragosto. Un’occasione per i turisti e i cittadini italiani di rendere la vacanza un’opportunità per conoscere il ricco patrimonio artistico e culturale nazionale. Sono certo che sarà possibile scoprire con emozione le bellezze a volte celate del nostro territorio, sorprendendoci di quante meraviglie e tesori nascosti è ricca l’Italia". Molti saranno i siti d’arte aperti il giorno di ferragosto di alcune delle principali città italiane.

L'elenco dei tesori sul sito del ministero Sul sito del ministero per i Beni e le attività culturali, www.beniculturali.it, è disponibile l’elenco completo dei musei e delle aree archeologiche visitabili. Tra i tanti: in Piemonte aperti l’area archeologica di Industria a Monteu da Po (To), il castello e il parco di Agliè, il Museo delle Antichità Egizie, la Galleria Sabauda e Palazzo Reale di Torino; in Liguria aperti nel pomeriggio il Museo di Palazzo Reale e la Galleria di Palazzo Spinola a Genova, mentre a Luni sarà possibile visitare il museo e l’area archeologica; a Milano aperti il Cenacolo Vinciano, l’Antiquarium "Alda Levi" e la Pinacoteca di Brera.

Lombardia e Friuli In Lombardia visitabili la Rocca Scaligera di Sirmione, Palazzo Ducale a Mantova, il parco archeologico e l’antiquarium di Castel Seprio e il Parco delle Incisioni Rupestri a Capo di Ponte; a Trieste aperti il parco e museo del Castello di Miramare, mentre in Friuli Venezia Giulia sarà possibile visitare il Museo e l’area archeologica di Aquileia e quella di Cividale del Friuli.

Veneto Aperti a Venezia il Museo d’Arte Orientale a Cà Pesaro, il Museo Archeologico a Palazzo Ducale, le Gallerie dell’Accademia e la Galleria Franchetti a Cà d’Oro.Sarà possibile visitare Villa Pisani a Strà, il Museo Nazionale Archeologico di Adria, l’area archeologica di Feltre, quella di Concordia Sagittaria con la basilica paleocristiana e il Museo Nazionale Atestino a Este; a Bologna aperta la Pinacoteca Nazionale.

Emilia Romagna Saranno visitabili il Castello di Torrechiara a Langhirano, il Complesso di Pomposa a Codigoro, il museo di Canossa, la Pinacoteca Nazionale di Ferrara e tutte le testimonianze tardo antiche di Ravenna (Museo Nazionale, Mausoleo di Teodorico, Basilica di S. Apollinare in Classe, Battistero degli Ariani).

Toscana Accessibili i musei fiorentini di San Marco, Galleria Palatina di Palazzo Pitti, Galleria dell’Accademia e degli Uffizi, Museo Nazionale del Bargello, Giardino di Boboli, Cenacolo Andrea del Sarto e Villa della Petraia. In Toscana aperti la Cappella Bacci ad Arezzo, la Pinacoteca di Palazzo Mansi e il Museo Nazionale Villa Guinigi a Lucca, il Museo Nazionale San Matteo a Pisa, la Pinacoteca Nazionale a Siena, il Museo Archeologico Nazionale di Orbetello e la Villa Medicea a Poggio a Caiano.

Umbria e Marche A Perugia è aperta la Galleria Nazionale dell’Umbria, a Spoleto la Rocca Albornoz, a Gubbio il Palazzo Ducale, a Orvieto il Museo Archeologico Nazionale e la necropoli etrusca, a Urbino sarà visitabile la Galleria Nazionale delle Marche, le rocche di Gradara e Senigallia, i Musei Archeologici Nazionali di Ancona, Arcevia, Ascoli Piceno e Cingoli.

Archeologia in Molise e Abruzzo In Molise aperti la mattina il complesso monumentale di Santa Maria delle Monache a Isernia, il Castello Pandone di Venafro, il Museo Sannitico di Campobasso e l’area archeologica del santuario italico di Pietrabbondante. All’Aquila visitabile il Museo Nazionale d’Abruzzo e l’area archeologica di Amiternum, a Pescara il Museo Casa D’Annunzio e l’area archeologica di Alba Fucens a Massa D’Albe.

Lazio, necropoli etrusche Nel Lazio visitabili tutti i musei e le aree archeologiche statali di Roma ad eccezione del Museo Preistorico ed Etnografico "Luigi Pigorini", i monasteri di Santa Scolastica e San Benedetto a Subiaco, Villa d’Este e Villa Adriana a Tivoli, la necropoli etrusca e il museo archeologico di Cerveteri e il Museo delle Navi Romane di Nemi.

Pompei e Capodimonte In Campania aperti la Galleria di Capodimonte, il Museo di San Martino, il Museo Duca di Martina a Napoli, la Certosa di San Giacomo, la Grotta Azzurra e Villa Jovis a Capri, gli Scavi di Pompei, Ercolano e Oplontis, la Reggia e il Parco di Caserta. In Calabria aperti il Palazzo Arnone di Cosenza, il Museo Statale di Mileto, il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria e il parco archeologico di Scolacium a Borgia. In Basilicata visitabili il Museo Nazionale di Arte Medievale e Moderna di Matera, i musei archeologici di Venosa e di Potenza e l’area archeologica di Policoro.

Sardegna e Puglia In Puglia aperti i castelli svevi di Castel del Monte, Bari e Trani e i musei archeologici di Fasano, Manfredonia e Gioia del Colle. In Sardegna visitabili la Pinacoteca Nazionale e il Museo Archeologico di Cagliari e i complessi archeologici di Nuraghe Losa, Abbassanta e Barumini.