Estate al Museo tra geni, giochi e origami

Roberto Zadik

Iniziative e proposte per raccontare lo sviluppo e il progresso di Milano nei secoli. Il «Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo Da Vinci» quest’estate non va in vacanza e fino al 18 settembre i locali dell’edificio di via San Vittore 21, zona Sant’Ambrogio, resteranno aperti al pubblico tutti i giorni, ad esclusione del lunedì. Un’occasione da sfruttare per chi è rimasto in città: ogni giorno, da martedì a venerdì dalle 10.30 alle 18 e nel week-end fino alle 19 si potrà scegliere tra una serie di attività. Ad esempio partecipare a visite guidate nelle stanze del museo, o rincorrersi alla ricerca dell’oggetto misterioso nella Caccia all’oggetto organizzata dalle guide del museo, o ancora cimentarsi in divertenti esperimenti nei laboratori.
Tutti i giorni (escluso il lunedì) dall’Infopoint del museo di via San Vittore dalle 11 alle 13 e dalle 14 alle 18 partiranno una serie di visite guidate suddivise in gruppi composti da non più di venticinque persone alla volta, l’ideale per farsi un giro tra le numerose sezioni del Museo. Accompagnati dagli esperti nel settore si potranno ammirare veri e propri tesori della scienza. Tra questi, orologi d’epoca, strumenti musicali e progetti disegnati da Leonardo da Vinci durante il suo soggiorno milanese. Testimonianze del genio del pittore e scienziato che hanno contribuito in maniera determinante al progresso scientifico internazionale. Aperto e a disposizione anche il giardino del museo milanese, dove, dopo le visite, è possibile rilassarsi magari in compagnia di un buon libro.
Anche nel week-end le sorprese non mancheranno. Sabato e domenica, dalle 11 alle 13 o per i meno mattinieri dalle 14 alle 19, è previsto l’incontro Geni in rete. L’appuntamento si propone di spiegare in maniera semplice e chiara la composizione dei geni attraverso animazioni e disegni realizzati con il computer. Un viaggio tra cellule e particelle che spiegherà al pubblico le complicate leggi di Mendel. Biologia e genetica guideranno anche la manifestazione Occhio all’invisibile grazie alla quale grandi e piccoli potranno saperne di più sulla composizione di nuclei, membrane e citoplasma.
E per chi volesse cimentarsi in attività pratiche, in un altro laboratorio si potrà partecipare a Facciamo la carta. L'iniziativa darà la possibilità a curiosi di ogni età di assistere e sperimentare la lavorazione della carta. Storia e realizzazione del foglio di carta, fatto di acqua, fibre e cellulosa, saranno al centro di quest’appuntamento. Sulla stessa scia un’altra attività è intitolata Tipi da stampa: una sorta di lezione d’impaginazione nel corso della quale si potrà assistere alla lavorazione di un testo approfondendo metodi e procedimenti di stampa.
Accanto a questi appuntamenti, sempre nella giornata di sabato sono previsti anche due eventi speciali. A partire dalle 12 il laboratorio «Genetica e Biologie» ospiterà l’esperimento Porta a casa il tuo Dna. Un viaggio nella biologia e nella composizione di vari oggetti, dagli spazzolini da denti alla verdura (per esempio i pomodori).
E proprio la curiosità e la creatività guideranno anche Origami che prenderà il via alle 18. L’incontro, organizzato nell’«i.lab Carta» permetterà ai più precisi di cimentarsi nelle complicate geometrie degli origami creando figure di ogni tipo. Iniziative per tutte le fasce d’età che proseguiranno nel Museo della Scienza e della tecnologia fino alla fine dell’estate.